BUDDISMO: E' UNA PRATICA FILOSOFICA

Pratica filosofica : BUDDISMO
Sabato 16 Febbraio, 2013
CORRIERE DELLA SERA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Buddhismo, pratica filosofica
di PIERLUIGI PANZA
La filosofia non ha funzione pratica? Non è esatto. E tra le tendenze a fare della filosofia un semplice discorso o dissolverla nelle neuroscienze, il filosofo Giangiorgio Pasqualotto ne identifica una terza, che è una sorta di «uso pratico» della filosofia. È una tendenza che non viene dalla filosofia contemporanea bensì dal Buddhismo, il «luogo» esemplare dove il transito tra teoria e prassi si è felicemente esperito e può continuare ad esserlo (Buddhismo, EMI, pp. 158, 12). Alcune pratiche buddhiste (descritte nel libro) sono l'esempio di un uso quotidiano e individuale della filosofia. L'aspetto che caratterizza il Buddhismo è l'essere una via di salvezza descrivibile razionalmente, che suggerisce un percorso costantemente verificabile mediante la pratica meditativa. Buddha è un uomo che agisce con ragione. Il suo insegnamento è un patrimonio filosofico e le rappresentazioni artistiche ad esso connesse, come i mandala, svolgono la funzione, scrive Pasqualotto, «di aiutare a superare la coscienza quotidiana… per aprire livelli di coscienza superiore».



 
Condividi su Facebook